Quali banche erogano prestiti cambializzati?

Il prestito è il modo più celere e sicuri per ottenere denaro, da poter reinvestire sul mercato per qualsivoglia motivo.

Si può richiedere ad enti autorizzati come ad esempio le banche, le finanziarie o enti accreditati come ad esempio l’Inps che, eroga tali somme di denaro solo a dipendenti o pensionati del settore della pubblica amministrazione.

Ci sono poi delle forme diverse, ma altrettanto efficaci, per richiedere delle somme di denaro, come ad esempio il social lending o il crowfunding.

Per richiedere un prestito è necessario fornire all’ente erogatore delle garanzie, riconosciute in alcuni fattori come ad esempio, il possesso di una busta paga o altri elementi.

In genere i cattivi pagatori ed i protestati, riscontrano delle difficoltà nell’ottenere una certa somma di denaro in prestito.

Oggi però per ovviare e rendere meno difficoltosa tale operazione, sono stati istituiti i cosidetti prestiti cambializzati.

Per ottenerli è sufficiente presentare il proprio TFR, o la firma di un garante che, in ogni momento potrà “intervenire” per sopperire ad eventuali mancanze economiche del richiedente prestito.

Nel 2016 le regole sono cambiate, cosi chi vorrà chiedere un prestito cambializzato, dovrà presentare il proprio TFR e stipulare un’assicurazione vita completa.

In genere questi prestiti vengono rilasciati a stranieri, o persone segnalate nella banca dati “centrale rischi”.

Questa tipologia particolare di prestiti viene erogata da banche o finanziarie che, fanno parte di un preciso elenco.

Per l’anno 2016 queste banche e finanziarie hanno deciso di erogare prestiti cambializzati per una somma non superiore ai 60000 euro, rendendo disponibile la somma in massimo 5 giorni lavorativi.

La somma dovrà essere restituita tramite cambiali, senza ritardi nei pagamenti ed, in un arco di tempo compreso tra 1 e 10 anni.

Insomma una bella iniezione di fiducia verso coloro che, hanno riscontrato evidenti difficoltà nel pagamento e restituzione di precedenti prestit io mutui.

Tra le banche e finanziarie che rilasciano questo genere di prestiti menzioniamo : Easy Money Brescia, Global Credit, Finatel Finanziaria, PrestitiMas, Solidary Finanziaria, Qui Prestiti, King prestiti, Sefa Finanziamenti, Kiron, Compass e altri ancora.

Le regioni che mediamente fanno maggior ricorso a questa tipologia di prestito sono: la Calabria, la Sardegna, la Campania, la Puglia, il Veneto e la Sicilia.

Da ciò si evince che le maggiori difficoltà economiche si riscontrano, ancora una volta, nel meridione dell’Italia, dove la carenza occupazionale e gli ammortizzatori sociali sono maggiormente presenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *