Dove conviene aprire un conto deposito a ottobre 2016?

Sono diverse le opzioni per aprire un conto deposito a ottobre 2016 perché il mercato finanziario è in piena concorrenza e sorgono sempre più opzioni che non possono che far gola ai correntisti e ai risparmiatori che sognano di mettere al sicuro i propri guadagni. Certo si è ormai lontani dalle rendite su cui si poteva contare un tempo ma ciò nonostante è bene non perdersi d’animo e esaminare quello che il mercato dei conti deposito offre, perché c’è sempre qualcosa da scegliere.

In una classifica che tiene conto della durata del vincolo, degli interessi e dei costi di gestione, si può stillare la seguente classifica

 

  • Conto Widiba
  • Conto Facto
  • Banca Marche
  • Rendimax Banca Ifis

 

Al primo posto si posizione il Conto Widiba che offre un interesse sul deposito pari al 2% per un periodo minimo di 6 mesi, rapporto interesse durata ottimo se rapportato ai rendimenti odierni e sicuramente da valutare per bene.

Il secondo posto è occupato da Conto Facto, che offre un rendimento del 2,20% bloccando però il capitale per 24 mesi. La scelta tra questi due conti deposito, che rappresentano due ottime soluzioni, è infatti sulla durata, che è nel caso del Conto Facto molto lunga. Da segnalare per il Conto Facto c’è però l’imposta di bollo che è a carico dell’Istituto di Credito, cosa non trascurabile.

Il terzo posto è per la Banca Marche, che offre un interesse pari al 2,15% anche se ha un elevato costo di gestione, circa 60,00 euro annui. È il classico conto deposito da prendere in considerazione solo dr di hanno grossi capitali da bloccare, perché in questo modo si può sfruttare al massimo il tasso di rendimento, che comunque è elevato, e ammortizzare le spese annue.

Al quarto posto si posiziona Banca Ifis con il conto deposito Rendimax, che offre un rendimento dell’1,50% annuo che cresce progressivamente in virtù della durata del vincolo, per esempio diventa del 2,6% se si blocca il denaro per 60 mesi. Si tratta praticamente del rendimento più alto che si può trovare nel mercato, anche se purtroppo il periodo del vincolo è veramente grandissimo, ben 5 anni, che possono pesare non poso per il correntista.

Questi 4 conti deposito sono i migliori in circolazione per il rendimento, che come si è visto è sempre superiore all’1%, superando anche il 2% per i lunghi periodi. Quando si sceglie il conto deposito occorre quindi ben valutare i tre fattori determinati che sono il tasso di interesse, la durata, e i costi di gestione, nonché la variabile del capitale da mettere sul conto, che come si è visto pesa non poco sul rendimento finale ed è rilevante per la scelta della banca a cui rivolgersi.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *